Tag

Patrizia Balbo

Ci siamo date appuntamento in un bar storico del centro di Torino a colazione. Ve la presento: lei è Patrizia Balbo, astrologa e scrittrice, una delle nuove “penne” astrologiche. In questo anno e mezzo circa che la conosco ho avuto modo di apprezzare di lei la serenità che comunica, il senso di pacata determinazione e la solidità.
Arriva in jeans, maglietta e scarpe basse, i capelli raccolti in una coda informale. Sorride, come sempre.

Davanti ad un pranzo veloce parliamo del suo libro “Ai piedi di Venere – Manuale astrologico di seduzione”. Una vera chicca che consente a chi lo legge di conoscere quale sia la sua Venere o quella della donna amata e di fare tutte le considerazioni che ne conseguono. E scatta l’intervista….

D. Come e quando è nata la tua passione per l’astrologia?

R. E’ accaduto molti anni fa,  in occasione del mio 13esimo compleanno. Mi regalarono il mio primo manuale di astrologia e scoprii, in piena crisi adolescenziale, che le donne dello Scorpione “non sono belle, ma affascinanti, e sposano quasi sempre un uomo del Cancro o del Toro”. Ne rimasi colpita e affascinata, anche se a dire il vero, nessuna di queste cose nel mio caso corrisponde a realtà. E non ho sposato un uomo che appartenesse a uno di questi segni …..

D. Qual è il legame che unisce la scelta di un paio di scarpe ad ogni Venere e il perché di questo abbinamento?

R. In astrologia Venere simboleggia l’Arte, la Bellezza e la sensualità. Di conseguenza Venere descrive anche la Moda, intesa come eleganza, sia in termini soggettivi (la propria personale attitudine a vestire in un certo modo) sia oggettivi, come oggetto che “fa moda”: abbigliamento, accessori, cosmesi…. Se poi aggiungiamo l’elemento seduzione, al campo di competenza di Venere, ecco che il filo conduttore “Stelle – Scarpe” diventa ancora più chiaro ed intrigante.

D. Chi è astrologicamente parlando Patrizia e quale la sua Venere?

R. La mia Venere in Scorpione ha stabilito e determinano molte delle mie scelte personali di vita, che in linea con le caratteristiche del segno, sono sempre passate attraverso un processo faticoso di “morte e trasformazione”. Faticoso, appunto…. ma conoscere a priori, attraverso la simbologia, l’energia che ci contraddistingue, facilita il percorso di accettazione dei nostri limiti e, al tempo stesso, evidenzia le opportunità di crescita che questi ci offrono.

D. So che sei una persona colta e una grande lettrice. Quali sono i libri che prediligi, quali caratteristiche devono avere e perché.

R. La lettura ha sempre rappresentato un momento di isolamento rigenerante. Quindi sono banditi libri troppo complicati o che ostacolino un necessario momento di relax. Se un libro non mi convince, non mi coinvolge nelle prime 10 pagine, passo ad un altro senza rimpianti né sensi di colpa. Invece amo rileggere libri che, in qualche modo, mi hanno aiutata a bypassare situazioni stagnanti o pericolose: Il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa, La lettera d’amore di Cathleen Schine, Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen……. Diverso il percorso dei libri di astrologia, in modo particolare tutte le pubblicazioni di Lisa Morpurgo, che, nonostante il passare del tempo, rimangono una perenne fonte di riflessione e di ispirazione.

D. Patrizia e la Moda.Che rapporto c’è tra voi e cosa ti piace?
R. Adoro gli abiti belli: Armani per il giorno e Valentino per la sera. Ma la mia ombrosa e poco mondana Venere in Scorpione mi pone nei confronti della moda come un visitatore in estasi di fronte alla Nike di Samotracia: preferisco ammirarla al Louvre, che vederla nella mia cabina-armadio!!!!

D. Ognuno di noi ha un capo prediletto dal quale inizia a vestirsi o dal quale parte per acquistare un outfit. Io, per esempio, mi vesto in base agli orecchini che intendo indossare. Da dove inizia la composizione di un tuo outfit anche nella quotidianità?

R. Quando mi alzo molto presto la mattina, non mi vesto immediatamente. Le prime ore della mattinata sono dedicate alla scrittura e le suggestioni e le intuizioni della notte devono rimanere con me il più a lungo possibile. Per questo dò molta più importanza a cosa indosso quando vado a dormire, e la preparazione serale è spesso più impegnativa di quella mattutina!!!  Quando la magia si esaurisce, a seconda degli impegni della giornata, decido il colore della camicia da abbinare, il più delle volte ai jeans….

D. Come sei arrivata a scrivere un libro e quale pensi sarà la reazione del pubblico?

R. Oggi si parla molto, troppo, di crescita personale e di consapevolezza: personalmente preferisco parlare di “lealtà” verso se stessi e di “missione” nei confronti altri. Ho la presunzione di credere che il mio compito, in questa vita, sia quello di divulgare le potenzialità del linguaggio astrologico, che rappresenta un metodo alternativo, ma efficace, di osservazione di se stessi. Per questo ho deciso di scrivere una serie di manuali scritti senza usare una terminologia da “addetti ai lavori” e di abbinare alle descrizioni astrologiche, situazioni, personaggi ed esperienze comuni a tutti. In questo momento sto lavorando al secondo libro di questo progetto, Giove e la nutrizione. L’astrologia non è mai una disciplina “oscura, misteriosa o complicata” e soprattutto non è mai “negativa”.

D. Cosa spinge una donna a comprare un libro che parla di astri e di scarpe. Chi è la tua lettrice ideale?

R. Se devo essere sincera questo libro sarebbe la lettura perfetta per gli uomini che, nonostante tutto, capiscono ancora molto poco delle donne! Infatti, nelle prime pagine, consiglio una “modalità di lettura” al maschile e una al femminile. Mentre per le donne capire i propri meccanismi di seduzione rappresenta una chance, per gli uomini bypassare la prima impressione ed avere qualche elemento in più sulla donna che hanno appena conosciuto, può salvare la vita!!!

D. So che prenderai parte ad un evento di moda sul quale si scommette molto, il BAROLO FASHION SHOW, insieme a stilisti e designer di successo. Che effetto ti fa entrare nel mondo della moda? 

R. Barolo Fashion Show è il palcoscenico ideale per il debutto del mio libro: alla moda, all’eleganza e all’arte si aggiunge una Storia importante. Le prime notizie di una fortificazione sulle colline di Barolo risalgono al X secolo, più o meno la stessa epoca della casa della mia famiglia. Dimore in cui si respirano un’aria e un’atmosfera particolari, fonti di grandi ispirazioni per chi, come me, ha la fortuna di lavorare con la ricerca e la creatività. Poi la moda rimane un elemento affascinante, sempre. 

Siamo al caffè accompagnato dall’immancabile dolcino. Chiedo a Patrizia 2 consigli personali e lei, come sempre, rimette la sottoscritta, insolito Capricorno idealista e sognatore, coi piedi per terra. Solida e rassicurante Patrizia, come farei senza di te!!!!!

Ci congediamo e ci diamo appuntamento a Barolo. Perché ci sarò anch’io, non ve l’ho detto? 

Appuntamento quindi a Barolo il 24 giugno alle 21.30 presso il Castello Falletti.  Vi aspettiamo!!!!

Il libro “Ai piedi di Venere – Manuale di seduzione astrologica” è disponibile sia in versione e-book, sia in versione cartacea.

http://www.linguaggisimbolici.com