Assaggiare le Emozioni

Tag

3A606879-DB09-4D4A-9C58-1264DEC457B2

Questa sera ultima tappa di un percorso inusuale che associa il mondo emozionale a quello del cibo.

Assaggiare le Emozioni ci riporta ad un rapporto naturale e atavico con il cibo, basato sui nostri sensi e sulla capacità che essi hanno di influenzare la nostra memoria, riportando a galla ricordi ed, appunto, emozioni.

Ideato da 2 giovani psicologi torinesi appassionati a questo tema, Giorgia Finiguerra ed Emanuele Bruno, Assaggiare le Emozioni è un workshop a tema “aperitivo” che rappresenta anche un momento creativo e di condivisione, realizzato in collaborazione con la conosciutissima “Vineria Tre Galli” di Torino, in Via Sant’Agostino 25.

1FA43242-9D44-4A8E-AD67-E2D55AE2AA8C

Dall’ Emozionario di Cristina Nunez Perera, Nord – Sud Edizioni: ” Per sentire bene il piacere, bisogna concentrarsi. Immagina di avere davanti a te un succo di frutta. Puoi berlo rapidamente per soddisfare la sete, ma puoi anche concentrarti sul suo sapore e godertelo senza fretta. Insomma puoi gustarti il piacere che ti dà questo succo. Vivere una vita in cui gustiamo il piacere ci fa sentire grati”.
Questo passaggio dell’Emozionario ci ha fatto pensare al piacere di cui possiamo godere nella preparazione di un piatto se riusciamo a creare dentro di noi la giusta concentrazione. Non importa cosa ci sia fuori, cucinando possiamo immergerci in un mondo tutto nostro se ci lasciamo guidare dai nostri sensi: tagliare i pomodorini e guardarne il colore rosso intenso, sminuzzare l’aglio, lavare il basilico e sentire l’acqua fresca sulle mani e l’odore che si sprigiona dal contatto delle foglie con l’acqua, mettere gli ingredienti in pentola, sentire lo sfrigolio dell’olio a contatto con il cibo. Osservare con curiosità e passione gli ingredienti da tutte le prospettive, sperimentare diverse combinazioni, assaggiare, abbassare il fuoco, alzarlo. L’atto del cucinare che diviene un momento per noi, per rilassarci e per concederci una quota di piacere giornaliera e di gratitudine verso noi stessi.

L’idea mi è piaciuta molto e spero abbia un seguito nella prossima stagione.

Ottime idee e suggestioni sane per tutti.

U.

NO ALLERGY DAYS negli Store PerDormire

Tag

, , , , , , , , ,

B5D8ADFC-31EA-4BA2-AED1-539F72E6BD65

Chi non ha mai sofferto di allergie alzi la mano. In Italia 1 italiano su 3 soffre di patologie allergiche e oltre il 50% della popolazione ha avuto almeno un episodio nel corso delle proprie vita riconducibile ad una allergia, dovuta prevalentemente agli acari della polvere e/o ai peli di cani e gatti.

Siccome, come sapete, ho una numerosa famiglia a quattro zampe composta da Hermy, Gigi e Camilla, questo è un argomento che mi tocca da vicino.

806B5A68-93FD-4F39-8C61-BFBAF01E7FFC.jpeg

È noto a tutti che in primavera  questi fenomeni siano più evidenti, e per prevenirli PerDormire, azienda leader della produzione e distribuzione di sistemi letto, ha ideato i No Allergy Days, al fine di contrastare tale fenomeno.

Sono stata invitata dall’Azienda alla giornata organizzata presso lo store PerDormire di Nichelino (TO) presso I Viali Shopping Park il 5 aprile scorso, scoprendo così come pulire in modo corretto la casa, i tessili di arredamento e in particolare la camera da letto.

La giornata, realizzata con l’intervento di esperti nella sanificazione ambientale, ha illustrato un prodotto interessantissimo per noi che possediamo amici a 4 zampe.

VI+ SEPT Tablets clean BED è un sistema di compresse monodose da sciogliere in acqua nel nebulizzatore da 500 ml formando una soluzione pronta all’uso in soli 5 minuti. La soluzione così ottenuta rimane attiva per 5 giorni.

Questa soluzione completamente atossica può essere usata quotidianamente negli ambienti più soggetti alla formazione di parassiti nebulizzandola ad una distanza di circa 30 cm dalle superfici da trattare (materassi, cuscini, coperte, divani, moquette e tappeti.

7ECBE5A2-1853-4237-848C-05D7BF3C2898

Il brand PerDormire prenderà parte al FuoriSalone2018 di Milano con una collezione di 4 letti esclusivi realizzati in collaborazione con il designer Fabio Novembre.

Si tratta di letti estremamente confortevoli, sfoderabili e facilmente igienizzabili, che uniscono ad un design moderno ed elegante anche la convenienza di un prezzo decisamente competitivo di 990 euro.

DB2ECD8C-01B5-40CE-B1D3-BD786528AB2A

Il modello Nuvola è piaciuto moltissimo a Camilla che lo vorrebbe per se.

Vi ricordò che il VI+SEPT è andato anche alla pulizia delle cucce dei vostri animali senza pericolo per loro anche in caso venisse ingerito.

Per saperne di più http://www.perdormire.com

Janka Creator, il designer delle bambole delle star

Tag

Ho conosciuto Giancarlo Scrofani, aka Janka Creator, alcuni anni fa durante un evento, grazie ad un amico comune. Sapete quando vi presentano qualcuno e pensate a qualcosa di già visto ed invece rimanete piacevolmente sorpresi?

Così, quando qualche settimana fa Susanna Maffini, il cuore e la mente creativa della galleria d’arte Creativity Oggetti di Torino, mi ha annunciato di aver pensato ad un evento per San Valentino e dintorni un po’ fuori dagli schemi e di aver invitato anche Giancarlo tra gli altri ad esporre, ho subito chiesto se una mia intervista fosse cosa gradita.

Janka Creator è un personaggio molto amato e seguito dal suo pubblico. Lo avrete sicuramente visto in trasmissioni del circuito Rai (è uno degli ospiti ricorrenti di Detto Fatto su RAI2), ma la sua storia inizia una ventina di anni fa nel mondo del fashion dove ha collaborato come direttore artistico con importanti case di moda.

Da lì è nata col tempo l’idea di FEMINA, una bambola completamente snodata, che può essere personalizzata fin nei minimi dettagli e che rappresenta una donna libera di esprimersi senza pregiudizi.

Questo genere di bambole da collezione si chiama BJD (Ball Jointed Doll) ed è molto amato sia in Italia che all’estero, soprattutto sul mercato giapponese ed in Russia, dove per motivi storici le fashion doll come Barbie non sono mai arrivate se non con molti anni di ritardo.

Nel 2015 Giancarlo ha creato DIVAS, una collezione di 5 bambole ispirate alle dive degli anni ’40 e ’50 che ha avuto un notevole successo di pubblico.

In realtà non si tratta di bambole in senso tecnico, ma di veri e propri lavori artistici, che possono diventare anche strumenti di comunicazione o di identificazione.

Tra quelle realizzate Giancarlo ci sono anche le bambole con le sembianze delle star più amate, prima fra tutte Madonna, ma anche Marilyn Monroe e Liz Taylor per citarne alcune , o quelle ispirate al mondo della moda, come ad esempio a Dolce & Gabbana.

Ma come vengono realizzate? Innanzitutto viene creato un prototipo in porcellana che poi viene prodotto a tiratura limitata in resina. Ogni bambola viene poi dipinta, truccata e vengono montati occhi e cappelli su richiesta della cliente o in base alla creatività del designer, ed infine viene vestita.

Giancarlo è indubbiamente un creativo molto particolare e sulla base del successo di queste “creature” ha prodotto una serie di anelli con i volti di bambola, ispirati al mondo del bondage e del fetish.

Sono anelli divertenti, versatili, che possono assumere le sembianze di chi li indossa. Una sorta di “mini me” che ci piace un sacco.

Questi ring ironicamente sexy sono tra quelli proposti nell’ambito di XXX ESPLICIT CONTEST, l’evento ideato nell’ambito della galleria Creativity Oggetti che proseguirà fino a sabato 24 febbraio.

Naturalmente ora c’è un anello che rappresenta una donna in stile pin-up con i capelli rossi alla mia mano. Ma di questa storia vi parlerò da Milano nei prossimi giorni…..

http://www.jankacreator.com

Ph Angelo Barra

Astri, scarpe & love affairs: a colazione con l’astrologa Patrizia Balbo

Tag

Patrizia Balbo

Ci siamo date appuntamento in un bar storico del centro di Torino a colazione. Ve la presento: lei è Patrizia Balbo, astrologa e scrittrice, una delle nuove “penne” astrologiche. In questo anno e mezzo circa che la conosco ho avuto modo di apprezzare di lei la serenità che comunica, il senso di pacata determinazione e la solidità.
Arriva in jeans, maglietta e scarpe basse, i capelli raccolti in una coda informale. Sorride, come sempre.

Davanti ad un pranzo veloce parliamo del suo libro “Ai piedi di Venere – Manuale astrologico di seduzione”. Una vera chicca che consente a chi lo legge di conoscere quale sia la sua Venere o quella della donna amata e di fare tutte le considerazioni che ne conseguono. E scatta l’intervista….

D. Come e quando è nata la tua passione per l’astrologia?

R. E’ accaduto molti anni fa,  in occasione del mio 13esimo compleanno. Mi regalarono il mio primo manuale di astrologia e scoprii, in piena crisi adolescenziale, che le donne dello Scorpione “non sono belle, ma affascinanti, e sposano quasi sempre un uomo del Cancro o del Toro”. Ne rimasi colpita e affascinata, anche se a dire il vero, nessuna di queste cose nel mio caso corrisponde a realtà. E non ho sposato un uomo che appartenesse a uno di questi segni …..

D. Qual è il legame che unisce la scelta di un paio di scarpe ad ogni Venere e il perché di questo abbinamento?

R. In astrologia Venere simboleggia l’Arte, la Bellezza e la sensualità. Di conseguenza Venere descrive anche la Moda, intesa come eleganza, sia in termini soggettivi (la propria personale attitudine a vestire in un certo modo) sia oggettivi, come oggetto che “fa moda”: abbigliamento, accessori, cosmesi…. Se poi aggiungiamo l’elemento seduzione, al campo di competenza di Venere, ecco che il filo conduttore “Stelle – Scarpe” diventa ancora più chiaro ed intrigante.

D. Chi è astrologicamente parlando Patrizia e quale la sua Venere?

R. La mia Venere in Scorpione ha stabilito e determinano molte delle mie scelte personali di vita, che in linea con le caratteristiche del segno, sono sempre passate attraverso un processo faticoso di “morte e trasformazione”. Faticoso, appunto…. ma conoscere a priori, attraverso la simbologia, l’energia che ci contraddistingue, facilita il percorso di accettazione dei nostri limiti e, al tempo stesso, evidenzia le opportunità di crescita che questi ci offrono.

D. So che sei una persona colta e una grande lettrice. Quali sono i libri che prediligi, quali caratteristiche devono avere e perché.

R. La lettura ha sempre rappresentato un momento di isolamento rigenerante. Quindi sono banditi libri troppo complicati o che ostacolino un necessario momento di relax. Se un libro non mi convince, non mi coinvolge nelle prime 10 pagine, passo ad un altro senza rimpianti né sensi di colpa. Invece amo rileggere libri che, in qualche modo, mi hanno aiutata a bypassare situazioni stagnanti o pericolose: Il Gattopardo di Tomasi di Lampedusa, La lettera d’amore di Cathleen Schine, Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen……. Diverso il percorso dei libri di astrologia, in modo particolare tutte le pubblicazioni di Lisa Morpurgo, che, nonostante il passare del tempo, rimangono una perenne fonte di riflessione e di ispirazione.

D. Patrizia e la Moda.Che rapporto c’è tra voi e cosa ti piace?
R. Adoro gli abiti belli: Armani per il giorno e Valentino per la sera. Ma la mia ombrosa e poco mondana Venere in Scorpione mi pone nei confronti della moda come un visitatore in estasi di fronte alla Nike di Samotracia: preferisco ammirarla al Louvre, che vederla nella mia cabina-armadio!!!!

D. Ognuno di noi ha un capo prediletto dal quale inizia a vestirsi o dal quale parte per acquistare un outfit. Io, per esempio, mi vesto in base agli orecchini che intendo indossare. Da dove inizia la composizione di un tuo outfit anche nella quotidianità?

R. Quando mi alzo molto presto la mattina, non mi vesto immediatamente. Le prime ore della mattinata sono dedicate alla scrittura e le suggestioni e le intuizioni della notte devono rimanere con me il più a lungo possibile. Per questo dò molta più importanza a cosa indosso quando vado a dormire, e la preparazione serale è spesso più impegnativa di quella mattutina!!!  Quando la magia si esaurisce, a seconda degli impegni della giornata, decido il colore della camicia da abbinare, il più delle volte ai jeans….

D. Come sei arrivata a scrivere un libro e quale pensi sarà la reazione del pubblico?

R. Oggi si parla molto, troppo, di crescita personale e di consapevolezza: personalmente preferisco parlare di “lealtà” verso se stessi e di “missione” nei confronti altri. Ho la presunzione di credere che il mio compito, in questa vita, sia quello di divulgare le potenzialità del linguaggio astrologico, che rappresenta un metodo alternativo, ma efficace, di osservazione di se stessi. Per questo ho deciso di scrivere una serie di manuali scritti senza usare una terminologia da “addetti ai lavori” e di abbinare alle descrizioni astrologiche, situazioni, personaggi ed esperienze comuni a tutti. In questo momento sto lavorando al secondo libro di questo progetto, Giove e la nutrizione. L’astrologia non è mai una disciplina “oscura, misteriosa o complicata” e soprattutto non è mai “negativa”.

D. Cosa spinge una donna a comprare un libro che parla di astri e di scarpe. Chi è la tua lettrice ideale?

R. Se devo essere sincera questo libro sarebbe la lettura perfetta per gli uomini che, nonostante tutto, capiscono ancora molto poco delle donne! Infatti, nelle prime pagine, consiglio una “modalità di lettura” al maschile e una al femminile. Mentre per le donne capire i propri meccanismi di seduzione rappresenta una chance, per gli uomini bypassare la prima impressione ed avere qualche elemento in più sulla donna che hanno appena conosciuto, può salvare la vita!!!

D. So che prenderai parte ad un evento di moda sul quale si scommette molto, il BAROLO FASHION SHOW, insieme a stilisti e designer di successo. Che effetto ti fa entrare nel mondo della moda? 

R. Barolo Fashion Show è il palcoscenico ideale per il debutto del mio libro: alla moda, all’eleganza e all’arte si aggiunge una Storia importante. Le prime notizie di una fortificazione sulle colline di Barolo risalgono al X secolo, più o meno la stessa epoca della casa della mia famiglia. Dimore in cui si respirano un’aria e un’atmosfera particolari, fonti di grandi ispirazioni per chi, come me, ha la fortuna di lavorare con la ricerca e la creatività. Poi la moda rimane un elemento affascinante, sempre. 

Siamo al caffè accompagnato dall’immancabile dolcino. Chiedo a Patrizia 2 consigli personali e lei, come sempre, rimette la sottoscritta, insolito Capricorno idealista e sognatore, coi piedi per terra. Solida e rassicurante Patrizia, come farei senza di te!!!!!

Ci congediamo e ci diamo appuntamento a Barolo. Perché ci sarò anch’io, non ve l’ho detto? 

Appuntamento quindi a Barolo il 24 giugno alle 21.30 presso il Castello Falletti.  Vi aspettiamo!!!!

Il libro “Ai piedi di Venere – Manuale di seduzione astrologica” è disponibile sia in versione e-book, sia in versione cartacea.

http://www.linguaggisimbolici.com



Party Contest fotografico Borello Torino & K-WAY

Tag

, , , , , , ,

Giovedì 19 gennaio party a Torino presso la sede della Pellicceria Borello di Piazza Lagrange dedicato alla proclamazione della foto vincitrice del contest organizzato in collaborazione con K-WAY.

L’idea è nata dal progetto Fur.Be, vale a dire l’opportunità di trasformare una pelliccia di famiglia in un capo ultra moderno e colorato K-WAY.

_mg_7280

La foto vincitrice del contest Borello Torino  & K-WAY

Vincitrice del contest la brava fotografa Letizia Toscano con questa foto sui toni del rosa cipria.

Party riuscitissimo, tantissime le persone presenti che hanno potuto ammirare gli scatti dei vari fotografi in gara proiettati nel salone dell’atelier.

La vincitrice, fotografa e art director del progetto, ha colto appieno lo spirito dell’iniziativa che è quello del riciclo e dell’innovazione di un materiale come la pelliccia, nel pieno rispetto del discorso ambientalista e non solo.

_mg_6987

Un altro scatto realizzato da Letizia Toscano per il contest

Lo staff che ha preso parte al progetto è composto da:

-Styling Erika Balutello

– MUA Marta Basiglio

– Hairdress Hamlet Tobeornottobe

– Model Irene Totaro (NEXT MODEL MILANO)

– Help Editing Martina Romano

http://www.letiziatoscano.com

Con l’hairstylist Hamlet Tobeorniottobe al party con un abito di Atelier Fasano

 

AB WEEK | Natural Chic a Torino

Tag

, , , , , , , , , ,

img_6777

Paola Benedetta Cerruti

L’atelier è il posto in cui ogni donna è una principessa. Intorno a lei un’atmosfera ovattata la avvolge, le sarte si avvicendano per creare un abito che la vesta perfettamente, che sia espressione d’arte e di bellezza, che sia rifinito in ogni particolare anche nella piega più nascosta. Un momento di relax, una coccola che ognuna di noi dovrebbe regalarsi appena possibile.

dsc_4335

In giro per i vari atelier torinesi ho conosciuto nel corso del tempo la couturier Paola Benedetta Cerruti: giovane, brava e appassionata al suo lavoro. Uno stile lineare, il suo, fatto di piccole attenzioni, di ricerca dei tessuti, di grandi conversazioni con le sue affezionate clienti. Mi racconta con garbo di come si possa orlare un abito in modi diversi, di come abbia scelto una fibbia, di come alcuni modelli nascano con l’intento di essere portabili dal giorno alla sera con un semplice cambio di accessori. Paola, per inciso, ha lavorato per anni a Roma nell’Atelier Valentino.

dsc_4340

Atelier Beaumont, questo il nome del suo angolo di paradiso, è un situato in una deliziosa palazzina Liberty, ma non fatevi ingannare: la giovane Paola veste una donna elegante, ma anche grintosa, moderna ed impegnata nel lavoro, come testimonia la scelta frequente di materiali tecnici insieme a forme geometriche e facili da portare.

dsc_4356

In occasione del prossimo Natale ATELIER BEAUMONT vi invita ad AB WEEK – Natural Chic, 5 giorni (dal 18 al 22 dicembre con orario 14.30-20) durante i quali sarà possibile provare gli abiti della Collezione AB realizzati in un unico modello e magari pensare già a qualcosa per la prossima stagione in vista di una cerimonia o di un evento.

mattina

Ma AB WEEK non sarà soltanto dedicata alla Moda, ma anche al Beauty, con la fantastica opportunità di scoprire la linea d bellezza Annoni, creata solo con ingredienti vegan e bio, con metodologia cruelty free. Il brand Annoni è la linea di “alta moda” di Apostel-Kraeuter (annoni.de.it./) ed è in vendita in esclusiva per Torino da Atelier Beaumont. La linea è costituita da una vasta gamma di prodotti sia skin care che body care, di altissima qualità e molto gradevoli come texture e packaging, perfetti come idea regalo e adatti sia alle pelli giovani che alle pelli più mature grazie a formulazioni pensate in base alle diverse esigenze.

sera

Inoltre Annoni si impegna per la salvaguardia ambientale contribuendo con parte del ricavato di alcuni prodotti ad alcuni progetti a favore della Natura.

Questo Natale dedicati alla Bellezza. Prenditi cura di te.

E’ un invito riservato e su appuntamento.

Per info:
Cell. 347.5594571
Mail info@atelierbeaumont.com

Stylist per una Notte

Tag

15170822_576284012579776_2220933790039731862_n

 

Chissà quante di voi hanno sognato di essere delle stylist per creare nuovi accostamenti di capi da sogno. Questa sera a Torino il Gran Bar della Gran Madre, in collaborazione con TorinoShoppingGlam, vi dà la possibilità di realizzare il vostro sogno creando un outfit perfetto con i capi messi a disposizione da 9 negozi cittadini.

Se sarete giudicate le migliori stylist della serata potrete vincere così l’outfit che avrete creato.

Io farò parte della giuria e potrò consigliarvi per i regali delle prossime feste natalizie prendendo con voi un aperitivo glamour.
Vi aspetto questa sera a partire dalle ore 20.

Un bacio 😘
Ulderica

Una Tosca indimenticabile

Tag

L’immagine simbolo della nuova stagione teatrale delle Fonderie Teatrali Limone

Debutta questa sera alle Fonderie Limone di Moncalieri (TO) la nuova stagione teatrale “Vissi d’Arte Vissi d’Amore” di Teatro Matteotti/Fonderie Teatrali Limone, direttore artistico il mio amico Mario Acampa, che in questi giorni potete vedere al cinema in Inferno di Ron Howard a fianco della star americana Tom Hanks, e a teatro con il musical  Alice nel Paese delle Meraviglie nell’edizione di Chiara Noschese nel ruolo del Cappellaio Matto.

Si inizia con La Tosca di Puccini, in una versione un po’ speciale. Le arie originali si mescolano ad un allestimento più attuale sullo sfondo di Castel Sant’Angelo, a Roma. Avrete modo di ascoltare le celebri romanze E lucevan le stelle, Recondita armonia e, ovviamente, Vissi d’arte e di ammirare un nuovo modo di affrontare uno spettacolo meravigliosamente classico. Musica, danza e canto in una versione “urbana” veramente speciale ❤️

Inizio ore 21. Vi aspettiamo!!!

Tosca – Eugenia Braynova (soprano)

Mario Cavaradossi – Alessandro Mundula (tenore)

Scarpia – Lorenzo Battagion (baritono)

Ensemble

Tommaso Belli – primo violino

Paolo Vuono – violino

Tugce Ucar – viola

Ferdinando Vietti – violoncello

Davide Cava – pianoforte 

Danzatori 

Elisa Bertoli, Maela Boltri, Vanessa Franke, Simona Bogino, Eleonora Ricupero, Vincenzo Criniti, Vincenzo Galano, Cristian Magurato, Alessandro Romano, Alin Andrei

Artista live – Massimo Sirelli

FONDERIE TEATRALI LIMONE

Via Pastrengo, 88 – 10024 Moncalieri (TO)

Lisistrata e le altre 

Tag

Gaia De Laurentiis


Una delle più belle commedie di Aristofane è indubbiamente Lisistrata. Rappresentata per la prima volta ad Atene nel 411 a.c., racconta di come l’ateniese Lisistrata riesca ad essere l’artefice di un accordo tra le città di Sparta ed Atene, da tempo impegnate nella guerra del Pelopponeso, indicendo con le mogli degli altri soldati uno strategico sciopero del sesso. Commedia divertentissima e ricca di doppi sensi, in realtà è un manifesto femminista ante litteram, dove l’intelligenza e l’iniziativa delle donne surclassa di gran lunga quella maschile, unicamente dedita alla guerra e alle gioie del sesso. Attualissima, essa è anche un’ottima riflessione sul bisogno dell’uomo di trovare la pace e di come le donne siano destinate ad essa. 

La versione in scena martedì 3 maggio al Teatro Matteotti di Moncalieri (TO) è stata arricchita con contaminazioni burlesque e di cabaret e con un coro di 14 pupazzi su una scena completamente bianca.

Assolutamente da non perdere!!!

LISISTRATA 

Martedì 3 maggio 2016

Ore 21

Con: Gaia De Laurentiis, Stefano Artissunch, David Quintilli, Stefano Tosoni e Gian Paolo Valentini

Regia Stefano Artissunch

Teatro Matteotti, Via Matteotti 1 – Moncalieri (TO) 

Tel. 011.6403700

http://www.teatromatteotti.com